Dialogo

Prima produzione discografica dei Ghazal.

Fabio Turchetti bandoneòn (piano on track 9 & 11)
Butrus Bishara oud (voice on track 3 & 8)
Luca Congedo flutes – (samples on track 10)

DIALOGO (dialogue)
recorded live at Radio Antenna 5 (Crema – 12 june 2009)
thanks to Diego Freri and Radio Antenna 5
mastered at Studio Città della musica (CR) by Cristian Merli

1 Castrojeriz  (F.Turchetti)
2 De la lensor com’vei (trad from Provençe)
3 Kharka (trad from Andalucia)
4 Maldito seja (trad from Galicia)
5 Rumba greca (trad from Greek)
6 Por non dedultas (trad from Galicia)
7 Stella splendens (trad from Catalunya)

QUADRI (pictures)
recorded at Studio Matatigre
(Cremona 6 february 2010)

8 il tempo scorre (F. Turchetti)
9 raccòntati (F. Turchetti)
10 piazza (F. Turchetti)
11 una luce (F. Turchetti)
12 a quest’ora (F. Turchetti)

“L’oud è sempre stato nella mia testa anche prima di incontrarlo. Ho sempre amato il flamenco e la musica arabo andalusa. Ho conosciuto il liutaio e musicista  palestinese  Butrus Bishara nel 2004 ed è iniziata così una proficua collaborazione. Luca Congedo è di Lecce. La sua terra, il Salento, è altrettanto ricca di tradizioni musicali forti.
Nel 2009 Radio Antenna 5 ci ha invitato a registrare un concerto in diretta. Ho voluto chiamare questo progetto “dialogo” inteso come scambio di suoni e culture. Il repertorio è formato da brani in gran parte di origine medioevale, un epoca storica in cui la musica dei trovatori provenzali non era molto diversa da quella dei poeti andalusi o siciliani.
Completa il cd un gruppo di brani scritti da me apposta per questo organico, liberamente ispirati alle poesie di Mariella Mehr.
Musicalmente il cd è caratterizzato dal dialogo tra  strumenti appartenenti a culture apparentemente molto lontane: l’oud, lo strumento arabo per eccellenza, il bandoneòn,  l’incarnazione sonora del tango argentino e il flauto traversiere, strumento con cui si suona in genere musica rinascimentale. Attorno ad una melodia tradizionale esposta dal flauto i tre strumenti si rincorrono liberamente scandagliando ogni possibile incastro.”

 

Recensioni

Alberto Bazzurro,  all about jazz
Gianni B.Montano, jazzitalia
Massimo Severino, jazzconvention
Christian Valeix, Trad Magazine
Michael Hingston, fRoots
Ciro De Rosa, Blog Folk